Libri di testo – a.s. 2017-2018
June 7, 2017
Sofia vola in serie A
June 8, 2017
Mostra tutto

Una grande festa

Sabato 27 maggio, per concludere quest’anno scolastico, si è svolta al Collegio Rotondi la festa di fine anno, a cui hanno partecipato gli alunni, i genitori, i professori e tutte le persone che hanno reso meraviglioso questi mesi di scuola. Si pensava ad una festa ricca di allegria e spensieratezza e così è stato.

Nel pomeriggio di venerdì e durante la mattina di sabato, sono stati organizzati tornei di calcio e pallavolo acquatico per i ragazzi delle medie e delle superiori. Sabato ci sono stati anche molti giochi per i bambini, sono stati allestiti stand gastronomici e organizzati spettacoli dell’asilo e della scuola elementare. La parte serale della festa è stata aperta da una preghiera per riflettere e sottolineare la tematica che ha accompagnato il percorso di quest’anno, cioè “prendi il largo e getta le reti”.

Durante la serata noi ragazzi delle medie abbiamo messo in scena lo spettacolo conclusivo del laboratorio di teatro, che da gennaio ci ha impegnato ogni martedì pomeriggio. Dietro le quinte l’adrenalina era tanta, l’ansia di salire sul palco si faceva sentire anche se, tutti, eravamo consapevoli che in qualunque caso lo spettacolo sarebbe stato un successo, perché frutto di fatica, dedizione, impegno e tanta gioia. Soprattutto noi di terza media eravamo consapevoli che sarebbe stato il nostro ultimo “debutto” su quel palco e, per questo, siamo stati spinti a dare il massimo. Scena dopo scena, brano dopo brano, applausi dopo applausi, lo spettacolo si è concluso con successo e tutti noi avevamo stampato sul viso un sorriso di quelli che ti rimangono impressi, perché legati ad un’esperienza autentica e profonda, come, d’altronde sono stati questi anni passati al Collegio.

Dopo i ringraziamenti di Don Andrea e vari riconoscimenti per l’impegno e la passione che molti mettono nel loro lavoro, ci sono stati i fuochi d’artificio, che hanno lasciato tutti a bocca aperta. Ognuno di noi aveva le lacrime agli occhi e personalmente, al momento dello spettacolo pirotecnico, ho ripensato a tutti i momenti che hanno reso veramente meravigliosi e ricchi questi tre anni, a tutte le persone che ho conosciuto e che mi hanno segnato nel profondo, a tutti i miei compagni che hanno condiviso con me risate, emozioni, pensieri, a Don Andrea che ha reso possibile ogni cosa che ha arricchito quest’anno; ho ripensato anche a tutto ciò che ho studiato nel mio percorso delle scuole medie, a tutti gli insegnamenti che ho appreso stando a contatto con l’amore che si respira al Collegio. Mentre i miei occhi si illuminavano con i mille colori dei fuochi d’artificio, mi rendevo conto che quei colori nel cielo si trovavano, allo stesso modo, nel mio cuore, perché ognuno di essi rappresenta ogni piccola o grande cosa che quest’anno mi è stata donata e per cui sono grata di essere stata studente del Collegio. Qui ci è stato insegnato che condividere i propri talenti e le proprie emozioni è ciò che può colorare la nostra vita. Per queste ragioni noi di terza, abbiamo voluto lasciare la nostra importa e il nostro riconoscimento leggendo una lettera per ringraziare tutti e cantando la canzone di Cesare Cremonini, “Come un pittore” che inizia così: «ciao, semplicemente ciao, difficile trovar parole molto serie…». Questa frase, secondo me, è molto significativa perché per esprimere le nostre emozioni non esistono parole adatte.

Mancano solo 4 giorni alla fine della scuola e siamo tutti consapevoli che molti di noi intraprenderanno strade diverse, ma anche che tutto ciò che questa scuola ci ha donato e insegnato non lo dimenticheremo mai.

Federica Colombo, IIIA

Comments are closed.