Liceo Internazionale Quadriennale

Il corso, inizialmente denominato “Sezione Interculturale dei Licei Classico e Scientifico” (SILCS), oggi “Liceo Internazionale per l’Intercultura” (LII), si ispira alle prospettive indicate dal progetto per il “Liceo Internazionale” quadriennale, innovazione approvata con Decreto Ministeriale del 04/08/2011 n.71, successivamente rivista con Decreto Ministeriale del 8/8/2013 n.698.
Il Collegio Rotondi, in quanto sezione collaterale del Liceo Internazionale del Collegio San Carlo, è la prima scuola che di questo progetto si fa promotrice portando ad attuazione gli indirizzi Linguistico e delle Scienze Umane (opzione economico sociale).

Un percorso liceale innovativo, italiano, interculturale

Il percorso di studi del LII intende valorizzare appieno le potenzialità della tradizione liceale italiana nell’attuale contesto globalizzato, aprendo alla prospettiva della internazionalizzazione degli studi. Struttura portante e di riferimento dell’intera progettazione è la proposta dei contenuti del curricolo di studi italiano, con una attenzione tutta particolare alle competenze in lingua inglese, in modo da garantire l’accesso a percorsi di studio internazionali.
Gli indirizzi che il LII garantisce come profili di uscita (classico, scientifico, linguistico e delle scienze umane) sono stati armonizzati e resi sinergici entro un unico piano di studi: la proposta che si attua al Collegio Rotondi vede attivati l’indirizzo linguistico e delle scienze umane. La proposta permette lo studio delle principali discipline che in ogni indirizzo sono di riferimento entro un unico contesto classe, lasciando ad ogni studente il compito di definire, oltre alla scelta di indirizzo, anche alcuni approfondimenti opportuni per il realizzarsi di un proprio profilo di uscita.
La programmazione dei contenuti sui quattro anni ha potenziato il riferimento alle competenze richieste dalle discipline, aggiornandone i contenuti; si sviluppa inoltre attraverso esperienze d’apprendimento particolarmente attente alla pluralità delle metodologie didattiche, con forme d’insegnamento anche di carattere laboratoriale e seminariale.
La realizzazione della proposta didattica, per il suo carattere progettuale ed innovativo, raccoglie ed interpreta, con flessibilità, le attese espresse da studenti, docenti e genitori, in ordine ai bisogni formativi.

 

Elementi innovativi caratterizzanti

La durata

Il piano studi si sviluppa in quattro anni, suddivisi in due bienni:
il primo biennio vede confluire al meglio le discipline dei licei linguistico e delle scienze umane; la cornice didattico organizzativa di riferimento struttura l’anno in quattro bimestri; allo studente è richiesto un ritmo di studio puntuale e rigoroso;

il secondo biennio sviluppa le proposte disciplinari di riferimento dei due diversi profili di uscita permettendo ad ogni studente scelte di approfondimento personale; la cornice didattico organizzativa conferma l’anno in quattro bimestri, al termine di ciascuno dei quali si effettuano prove di fine modulo nella forma della simulazione dell’Esame di Stato; allo studente è richiesto un ritmo di studio capace di protagonismo, approfondimenti, forme di ricerca e di personale sintesi.
L’anno scolastico comincia il 1 settembre, si conclude il 30 giugno; strutturato in quattro bimestri, propone al termine di ogni modulo nel primo biennio attività di approfondimento, ripresa, recupero e potenziamento dei contenuti svolti; nel secondo biennio prove di accertamento finale sui contenuti del modulo, attività di recupero e di potenziamento.

I programmi disciplinari

La proposta didattica e i programmi delle singole discipline sono sviluppati in stretto riferimento al Profilo Educativo Culturale e alle Indicazioni Nazionali per i Licei; vedono la proposta di percorsi che valorizzano il riferimento ad elementi trasversali e specifici di competenza; sono costantemente monitorati e aggiornati nella sintesi dei contenuti; si diversificano e specificano per metodologie didattiche; risultano via via sempre più personalizzati; in particolare si punta a valorizzare le discipline in dialogo fra loro, condensandole per aree disciplinari, affinché ogni sapere risulti integrato e correlato con altri:

area 1 lingua madre:

italiano e latino per il solo linguistico nel primo biennio; storia della letteratura, arti, possibilità di approfondimenti in letterature comparate nel secondo biennio

area 2 lingue straniere:

inglese, seconda lingua (spagnolo, francese) e per il linguistico una terza lingua (l’alternativa alla seconda o altra); possibilità di preparazione alle certificazioni e corsi per il potenziamento di competenze di inglese accademico, possibilità di proseguire lo studio della seconda lingua per le scienze umane;

area 3 logico matematica:

matematica nel primo biennio ed elementi di informatica; matematica applicata e studi di analisi statistica nel secondo biennio, con possibilità di approfondimenti.

area 4 scienze sperimentali:

elementi di scienze della terra e scienze nel primo biennio; chimica, biologia, scienze della natura, astronomia e fisica nel secondo biennio, con possibile attività laboratoriale nel secondo biennio

area 5 scienze economico sociali:

storia, geografia, scienze umane, IRC, elementi di economia e diritto nel primo biennio; storia, economia e diritto, scienze sociali, IRC e possibilità di studi internazionali nel secondo biennio

area 6 filosofia:

storia della filosofia, con possibilità di approfondimenti in teoria della conoscenza e metodologia della ricerca nel secondo biennio
area attività motoria ed esperienze documentate a portfolio di attività personali relative ad ambiti sportivi, creatività, espressione artistica, volontariato, servizio sociale;

area 7 motoria e attività:

motoria ed esperienze documentate a portfolio di attività personali relative ad ambiti sportivi, creatività, espressione artistica, volontariato, servizio sociale;

Il bilinguismo

L’attuale piano studi prevede una proposta didattica per la lingua inglese che punta a promuoverla al pari di una “prima lingua”; obiettivo specifico del primo biennio per Inglese è il livello B1 certificato, al termine del secondo biennio i livelli B2 o C1; per coloro che optano per il linguistico l’obiettivo della seconda e terza lingua al termine del percorso è la certificazione B2; per coloro che optano per la seconda lingua nel liceo delle scienze umane obiettivo intermedio al termine del primo biennio è il livello A2 certificato, al termine del percorso il livello B1 certificato.
Nel primo biennio la maggior parte delle lezioni settimanali è svolto in lingua (Inglese ed eventuale seconda lingua, e con modalità Clill).

Le discipline del primo biennio attualmente insegnate in inglese sono: inglese, scienze, geografia, diritto, economia, storia, IRC, educazione fisica; a ciò si aggiunge la proposta delle ulteriore lingua spagnola; le docenze per la quasi totalità di queste discipline sono affidate a docenti la cui impostazione didattica è d’ispirazione anglosassone.
Nel secondo biennio lo studio della lingua impegna alla acquisizione di forti competenze nello scrivere, oltre che nell’utilizzo di lessici specifici e tecnici, correlati a singole discipline, valorizzando competenze di micro-lingua; la finalità è avviare a percorsi di studio accademico, preparatorio al passaggio verso studi universitari anche all’estero.
Vengono sempre più valorizzate le competenze correlate all’uso dell’inglese accademico attraverso particolare cura per l’inglese scritto nelle diverse discipline (sotto il coordinamento del docente di Inglese), attraverso il costante accesso a fonti e l’analisi di testi in lingua, la proposta di percorsi di certificazione (IELTS), corsi preparatori a particolari forme di scrittura (extended essay). All’interno di questo quadro si inserisce poi il consueto percorso di conoscenza della cultura e letteratura inglese e americana, anche attraverso forme di studio comparato.
Le discipline del secondo biennio attualmente insegnate in lingua sono: Arte, Letterature comparate, Inglese, Spagnolo, Tedesco, corso per la certificazione IELTS, Corso per l’Extended essay, Religione, Diritto, Economia, Studi internazionali (alcuni moduli), Teoria della conoscenza (nel terzo anno).
L’apprendimento della lingua è sostenuto anche attraverso la proposta di attività ed esperienze che possono favorire l’acquisizione e il mantenimento di solide competenze linguistiche: esperienze in College di classe, scambi, viaggi di istruzione, esperienze di volontariato, stage aziendali, sia in Italia sia all’estero.

L’organizzazione didattica

Il carattere di innovazione ha permesso di realizzare una particolare organizzazione didattica che mira a rendere il tempo scuola decisamente coinvolgente e partecipato, realizzando forme di protagonismo sia nei momenti di lezione sia di studio, mantenendo forme rigorose e stringenti di valutazione, con l’obiettivo di garantire l’acquisizione di ritmi di lavoro personali efficienti ed efficaci, attenti anche alle dinamiche emotive dell’apprendere e al costituirsi di forme autonome e realmente personali di studio; della proposta il dato più evidente è la netta distinzione tra momenti di lezione e valutazione.

Attività, esperienze, scambi e portfolio

Il percorso didattico del LII si caratterizza per la valorizzazione del protagonismo dello studente; in particolare sono oggetto di considerazione le iniziative, esperienze, attività che lo studente svolge già nel suo quotidiano, siano esse realizzate in campo espressivo, sportivo, artistico, sociale, ludico. Di queste, come pure delle iniziative, esperienze, ed attività più strutturate proposte all’interno del corso (le varie esperienze già ricordate in College dei primi tre anni, i summer programmes, gli scambi, le esperienze di volontariato…), lo studente è invitato a tenerne traccia attraverso la redazione di un personale portfolio.
Il Consiglio di classe è chiamato a valutare i resoconti di queste attività ed esperienze, quali che siano, valorizzando il fatto che anch’esse nel corso dei quattro anni tendono a formare la personalità dello studente; sulla base di evidenze ed elementi di documentazione, nonché un resoconto scritto per ciascuna redatto dell’interessato, il Consiglio di classe convalida di anno in anno le esperienze documentate a portfolio, e ove possibile e per quanto di attinenza contribuisce con esse alla definizione del profitto delle singole discipline, oltre che alla definizione del credito scolastico e formativo secondo i criteri stabiliti dal Collegio Docenti.

Esperienze interculturali

Particolare rilievo occupano, nella prospettiva del percorso interculturale, le esperienze di integrazione, i viaggi e i soggiorni all’estero, le uscite didattiche per la visita ad Istituzioni Internazionali, lo scambio con scuole di altri paesi, l’accoglienza di studenti stranieri, i soggiorni studio, gli stages presso qualificate Università ed Imprese italiane o estere.
La scuola favorisce il realizzarsi di queste esperienze, in alcuni casi organizzandole, in altri lasciando piena autonomia allo studente e alla sua famiglia nell’individuare quelle più idonee, fornendo una serie di contatti con qualificate agenzie che operano nel settore.
Le esperienze interculturali che la scuola propone prevedono:
nel primo anno: integrazione iniziale per tutto il gruppo classe (campo scuola a Campestrin), esperienza in College per tutto il gruppo classe (integration di due settimane in College); viaggio d’istruzione; viaggio di istruzione per la visita ad istituzioni internazionali a Ginevra (al termine delle lezioni nel mese di Giugno); settimane di eccellenza sui temi a supporto della proposta didattica (multimedialità, linguaggio cinematografico, diritti umani, letterature comparate, ECDL. …), alcune uscite didattiche a tema.
nel secondo anno: esperienza BEO in College per tutto il gruppo classe (la proposta prevede due settimane di competizione internazionale BEO (British English Olympics); le locations potranno essere diverse, tutte comunque nell’area londinese, presso le quali troveranno sistemazione studenti di classi provenienti da tutto il mondo; viaggio d’istruzione; viaggio di istruzione per la visita ad istituzioni internazionali a Bruxelles (al termine delle lezioni nel mese di Giugno); settimane di eccellenza sui temi a supporto della proposta didattica (multimedialità, linguaggio cinematografico, diritti umani, letterature comparate, ECDL. …); alcune uscite didattiche a tema.

nel terzo anno: esperienza THE MASTERS in College per tutto il gruppo classe (la proposta prevede due settimane di competizione internazionale, la location sarà presso Royal Holloway dove troveranno sistemazione studenti di classi provenienti da tutto il mondo; viaggio d’istruzione.
nel quarto anno: viaggio d’istruzione a Gerusalemme.
In genere la durata dei viaggi di istruzione d’istituto è di una settimana.

Profilo di ingresso e procedure di ammissione

Il profilo di ingresso dello studente candidato prevede i seguenti requisiti:
1) superamento di prove volte ad attestare il livello di conoscenza della Lingua Inglese, dell’Italiano e della Matematica
2) piena adesione al modello organizzativo richiesto dal particolare percorso scolastico
3) solida ed espressa motivazione dello studente, nonché auspicabile convergenza tra l’orientamento del consiglio di classe, le intenzioni dell’alunno e la volontà dei genitori
4) presentazione e positivo giudizio del coordinatore di classe di terza media
5) senso del team e della disciplina
6) buon livello di attenzione e disponibilità comunicativa in classe
7) predisposizione ad uno studio ben accetto, organizzato e costante
8) interesse e apertura alla dimensione interculturale e curriculum personale con significative esperienze interculturali

Per i candidati che negli anni successivi al primo chiedessero un inserimento, dopo un colloquio informativo sulla particolare organizzazione didattica del piano studi del LII e conseguente adesione al modello organizzativo e ritmo di studio, è necessario superare positivamente gli accertamenti in ingresso stabiliti dal Consiglio di Classe per il quale si chiede l’inserimento; i colloqui di accertamento svolti dai Docenti tendono a misurare il possibile divario tra programmi del LII (in quattro anni) e quelli della scuola di provenienza (in genere di cinque anni, o nel caso di scuole internazionali la necessaria preparazione in Italiano, Inglese e Matematica); l’inserimento è in ogni caso condizionato dal numero di posti effettivamente disponibili.

LINEE GUIDA generale 2017
maggio 9, 2017

Innovative generation magazine

Ecco il primo numero del magazine che accompagnerà e racconterà il progetto Innovative generation – Erasmus+ , che vede impegnata la nostra seconda liceo assieme a […]
maggio 4, 2017

*** Pre-Iscrizioni A.S. 2018-2019 ***

Considerate le  numerose richieste di iscrizione per l’anno scolastico 2018/19 si comunica che è possibile provvedere alla PRE-iscrizione alla classi PRIME che inizieranno a settembre 2018! […]
gennaio 16, 2017

novità: servizio scuolabus privato gestito dal collegio

ORA E’ PIU’ SEMPLICE RAGGIUNGERCI!!!! Nella linea di rinnovamento e rilancio il Collegio offre a tutti gli studenti l’opportunità di raggiungere la scuola con un servizio […]
novembre 8, 2016

Presentazione Doppio Diploma

Gentilissime Famiglie,come vi avevo annunciato, grazie ad una collaborazione con Mater Academy Italy, il Programma “Doppio Diploma” di Academica e Mater International è presente anche presso […]
ottobre 26, 2016

Innovative Generation

Il 24 e 25 ottobre 2016 a Kamienica, Polonia, ospitato dal Gymnasium Kamienicy Polskiej, ha preso il via il progetto Erasmus+ “Innovative Generation”, coordinato dal Collegio […]
ottobre 19, 2016

Un Liceo Innovativo

Il corso, inizialmente denominato “Sezione Interculturale dei Licei Classico e Scientifico” (SILCS), oggi “Liceo Internazionale per l’Intercultura” (LII), si ispira alle prospettive indicate dal progetto per […]